Cause ostative al regime forfetario: risposte ad interpello

  seacinfo

L'Agenzia delle Entrate ha fornito una serie di risposte, dalla n. 114 alla n. 127, tutte datate 23 aprile 2019, sulle nuove cause ostative al regime forfetario introdotte dalla Legge di Bilancio 2019, già oggetto di recenti chiarimenti con Circolare n. 9/2019.In particolare, si segnala che, con particolare riferimento causa ostativa ex articolo 1, comma 57, lettera d), Legge n. 190/2014 (controllo diretto o indiretto di s.r.l. che esercitano attività economiche riconducibili a quelle svolte dai soggetti interessati):perché si applichi la causa ostativa è necessario che si verifichino contemporaneamente tre presupposti: controllo diretto o indiretto, attività riferibile al medesimo codice Ateco, e presenza di operazioni attive o passive tra il soggetto forfetario e la srl;la presenza di una partecipazione al 49%, secondo l'Agenzia determina una forma di controllo (risposta n. 126/2019).Si ricorda infine che prevista la possibilità per il 2019 di permanere nel regime in presenza di una causa ostativa: qualora non rimossa, essa determinerà la fuoriuscita dal 2020.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più