Rivalutazione dei beni d'impresa: Legge di Bilancio 2019

  seacinfo

Tra le novità contenute nella Legge di Bilancio 2019 si segnala che è stata riproposta la possibilità di effettuare la rivalutazione dei beni d'impresa e delle partecipazioni a fronte del versamento di un'imposta sostitutiva del 16% per i beni ammortizzabili e del 12% per i beni non ammortizzabili. In particolare, tale rivalutazione:è riservata alle imprese/enti commerciali che nella redazione del bilancio non adottano i principi contabili internazionali;va effettuata nel bilancio 2018 e deve riguardare tutti i beni risultanti dal bilancio dell'esercizio in corso al 31 dicembre 2017.Il maggior valore dei beni è riconosciuto ai fini fiscali (redditi e IRAP) a partire dal terzo esercizio successivo a quello della rivalutazione (in generale, dal 2021).La Legge di Bilancio specifica, inoltre, che limitatamente ai beni immobili, i maggiori valori iscritti in bilancio ai sensi dell'art. 14, Legge n. 342/2000 vengono riconosciuti dal 2020; le disposizioni contenute nel citato articolo 14 si applicano anche ai soggetti che redigono il bilancio in base ai principi contabili internazionali.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più