No al licenziamento per giusta causa se la contestazione disciplinare è generica

  seacinfo

È illegittimo il licenziamento per giusta causa del lavoratore, accusato di appropriazione di somme riscosse dai clienti, quando la contestazione disciplinare è generica.La Corte di Cassazione, infatti, con l'Ordinanza n. 14967 del 14 luglio 2020, ha ritenuto che la mancata indicazione nel ricorso del datore di lavoro di riferimenti ed episodi specifici rende illegittimo il recesso, in quanto ostacola il diritto di un'adeguata difesa del dipendente.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più