Licenziato il lavoratore che lavora durante la malattia

  seacinfo

In materia di licenziamento, la Corte di Cassazione ha confermato l'orientamento più volte espresso secondo il quale il lavoratore sorpreso a lavorare per un'impresa terza durante un periodo di malattia può essere legittimamente licenziato, qualora tale attività lavorativa pregiudichi o rallenti la guarigione dallo stato morboso.Con la Sentenza n. 7641 del 19 marzo 2019, i giudici della Corte Suprema hanno respinto il ricorso del lavoratore contro la sentenza della Corte d'Appello, che aveva correttamente valutato la questione, ricordando che lo svolgimento dell'attività lavorativa da parte del dipendente durante lo stato di malattia, configura una violazione degli obblighi contrattuali di diligenza e fedeltà, nonché i doveri generali di correttezza e buona fede. Inoltre, lo svolgimento di attività lavorativa è di per sé sufficiente a far presupporre l'inesistenza dello stato di malattia, anche nel caso in cui sia valutato che tale attività possa pregiudicare o ritardare la guarigione o comunque il rientro in servizio.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più