L'invalidità permanente che riduce la capacità lavorativa è una voce di danno patrimoniale

  seacinfo

Il lavoratore che a seguito del sinistro sul lavoro riporta un'invalidità permanente del 34% ha diritto al risarcimento per il danno patrimoniale, posto che è stata compromessa la sua capacità lavorativa.La Corte di Cassazione con la Sentenza n. 3724 pubblicata l'8 febbraio 2019 ha ritenuto che i pregiudizi derivanti dalla riduzione della capacità lavorativa rappresentino un danno economico (anziché un danno non patrimoniale e quindi soggetto ad una quantificazione differente), posto che l'invalidità cagionata è sufficientemente grave da provare l'avvenuto pregiudizio reddituale, senza nessuna ulteriore prova. Nel caso di specie il danno è rinvenibile nei modelli Unico degli anni successivi all'incidente.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più