Con il codice fiscale è possibile emettere fattura anche se non richiesta dal cliente (consumatore finale)

  seacinfo

Come noto, con l'obbligo di certificazione e trasmissione telematica dei corrispettivi l'esercente deve rilasciare il c.d. documento commerciale in luogo di scontrino/ricevuta fiscale salvo che il cliente, preventivamente, non richieda espressamente il rilascio della fattura.Recentemente l'Agenzia delle Entrate, all'interno di una risposta (con la quale ha fornito chiarimenti in merito alla certificazione ai fini IVA del servizio di bike sharing), ha precisato che qualora il prestatore di un servizio sia in possesso del codice fiscale del cliente, può sempre procedere alla certificazione del corrispettivo mediante l'emissione di una fattura elettronica, indipendentemente dalla preventiva richiesta del cliente stesso.Pertanto, una volta che il prestatore del servizio è in possesso del codice fiscale, può decidere se rilasciare il documento commerciale o emettere fattura elettronica.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più